Home Formula 1 Formula 1, Bottas: “Gara migliore di sempre”. Vettel: “Delusi”

Formula 1, Bottas: “Gara migliore di sempre”. Vettel: “Delusi”

CONDIVIDI

Bottas hamilton verstappen Formula 1

Il campionato di Formula 1 2019 si apre con il trionfo di Valtteri Bottas nel Gran Premio d’Australia. Il pilota finlandese ha dominato sul circuito Albert Park di Melbourne, rifilando oltre 20 secondi al poleman Lewis Hamilton.

Una doppietta Mercedes che ovviamente rende piloti e scuderia felici. E’ c’è soddisfazione pure in casa Red Bull, dove Max Verstappen è riuscito a conquistare un ottimo podio. E’ il primo per un motore Honda da quando la casa di Tokio è rientrata in F1 come fornitrice di propulsori. Delusione Ferrari, giù dal podio e mai realmente protagonista con Sebastian Vettel e Charles Leclerc.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport >> CLICCA QUI

Formula 1, Australia: le parole di Bottas, Hamilton, Verstappen, Vettel e Leclerc

Bottas ovviamente al settimo cielo per il proprio successo a Melbourne. Al termine del GP non ha nascosto la propria felicità per il risultato odierno: «Credo sia stata la gara della mia vita, devo ancora realizzare tutto. La partenza è stata molto buona, è stata la chiave di tutto. La mia migliore gara di sempre, non so cosa sia successo. Mi sono sentito benissimo, la macchina andava alla grande ed è stato piacevole guidarla. Sono contentissimo della vittoria. Volevo il giro più veloce per prendermi il punto bonus, ci ho provato ed è andata bene. Non vedo l’ora di correre la prossima gara».

Hamilton ha conquistato l’ottava pole position in Australia e sperava di iniziare con una vittoria, ma si è dovuto accontentare della seconda posizione: «Buon weekend per il team, lavoro fantastico di tutti. Bottas ha fatto una prestazione incredibile e ha meritato la vittoria. Lo start è stato un po’ frustrante, parlerò con gli ingegneri. Abbiamo un po’ da lavorare, però è stata una buona partenza questa, più di quanto potessimo sperare. Sono contento nel complesso, non posso lamentarmi. Ho ottenuto 18 punti e la stagione è molto lunga».

Può gioire certamente Verstappen, con una Red Bull Honda che è andata bene e dunque per il futuro c’è fiducia: «Una gara interessante, ho dovuto superare Vettel per salire sul podio e non è mai facile su questo circuito. Sono contento di essere riuscito di fare quella manovra e di aver potuto anche attaccare Hamilton. Non sono riuscito a prendere il secondo posto, però sono felice lo stesso. Ho fatto un errore, ma non penso che il risultato finale sarebbe cambiato. Partire con un podio e insidiare la Mercedes è qualcosa di molto positivo per noi. Ringrazio la squadra che ha reagito bene dopo l’inverno e grazie anche alla Honda, che ha conquistato il primo podio in questa era».

Amarezza per il team Ferrari, fortissimo nei test e meno competitivo del previsto a Melbourne. Vettel non ha nascosto la propria delusione nel post-gara: «Ho faticato con le gomme, dobbiamo esaminare la situazione. Il motore credo che abbia funzionato bene. Ovviamente è stato un weekend difficile, abbiamo portato a casa dei punti ma non abbiamo conquistato il risultato che volevamo. Non siamo forti come sembravamo settimane fa. Valuteremo i motivi di questa prestazione, ci sono delle ragioni se le cose sono andate cosi oggi e non potevamo fare meglio. Non siamo contenti di questo fine settimana. Nel finale ero lento a causa delle gomme».

Anche Leclerc non è contento di questo debutto sulla SF90, sperava di poter fare meglio in Australia: «Ho fatto una bella partenza, però poi sono finito nell’erba perché non c’era spazio. Ho perso la posizione sia su Verstappen che su Vettel, successivamente ho fatto un errore. Macchina difficile da guidare oggi. Alla fine il team ha deciso di tenere le posizioni, anche se avrei potuto tentare di passare di Seb. Capisco la decisione. Il primo stint è stato più difficile, il secondo per me è stato migliore. Non abbiamo la spiegazione sulla prestazione di oggi».

Leggi anche -> Formula 1, GP Australia: classifica gara. Trionfa Bottas! Ferrari deludenti


Matteo Bellan