Home Formula 1 Formula 1, “addio” Sauber: diventa Alfa Romeo Racing

Formula 1, “addio” Sauber: diventa Alfa Romeo Racing

CONDIVIDI
alfa romeo racing sauber f1 formula1 2019

Formula 1, il nome Sauber scompare: ora si chiama Alfa Romeo Racing.

Il sito ufficiale della Formula 1 definisce “la fine di un’era” la scomparsa del nome Sauber dalla denominazione team svizzero. Esso, infatti, dal 2019 si chiamerà Alfa Romeo Racing. L’annuncio ufficiale è stato fatto nelle scorse ore.

E’ la prima volta dal 1993, anno di esordio della squadra in F1, che nel campionato non si vede più il nome Sauber. Anche quanto la scuderia fu ceduta alla BMW nel 2006, la denominazione fu comunque mantenuta fino al 2009, quando poi Peter Sauber la riacquistò. Dall’anno scorso c’è il forte legame con l’Alfa Romeo, divenuto title sponsor. Ma non si tratta solo di sponsorizzazione. C’è una una collaborazione strategica, commerciale e tecnologica.

>> Se vuoi rimanere aggiornato sulle news di sport >> CLICCA QUI

Già l’anno scorso la monoposto presentava in modo chiaro il marchio della storica casa automobilistica italiana, facente parte del gruppo FCA, lo stesso della Ferrari (fornitrice dei motori). In ottica 2019 è stato deciso di effettuare un passo ulteriore in questa partnership che nel 2018 ha portato risultati importanti, soprattutto con Charles Leclerc. Il pilota monegasco ora affiancherà Sebastian Vettel nella scuderia di Maranello, dalla quale è arrivato Kimi Raikkonen. Un ritorno per lui in Sauber, con la quale aveva esordito in Formula 1. Al suo fianco il giovane promettente Antonio Giovinazzi, anche lui in arrivo dalla Ferrari.

Un rapporto molto stretto tra le parti. E se già nella passata stagione in team svizzero è stato competitivo, nella prossima ci aspettiamo una conferma. Il budget a disposizione della squadra di Hinwil è aumentato e con maggiori risorse a disposizioni si può fare meglio che nel 2018. Il team Alfa Romeo Racing presenterà ufficialmente la monoposto il 18 febbraio a Barcellona, dove si svolgeranno i primi test di F1 del 2019.

Matteo Bellan