Home MotoGP MotoGP, il dottore di Marquez: “Incredibile vincere con quella spalla”

MotoGP, il dottore di Marquez: “Incredibile vincere con quella spalla”

CONDIVIDI

marc marquez motogp

MotoGP, il dottore di Marquez sorpreso dalle performance dello spagnolo.

Che Marc Marquez sia un fenomeno nessuno lo mette in dubbio. Per lui parlano prestazioni, gare vinte e titoli conquistati. A soli 25 anni ha già in tasca sette mondiali e può puntare a superare i nove di Valentino Rossi.

Lo spagnolo ha un talento naturale che gli ha permesso di fare la differenza anche quando la sua Honda non era la moto migliore in pista. Lui ha saputo dare quel qualcosa in più che solamente i campioni sanno metterci. E oltre a guidare al di là delle difficoltà tecniche, sembra che Marquez sappia stringere i denti quando ha infortuni fisici.

-> Se vuoi restare aggiornato su tutte le notizie della MotoGP CLICCA QUI

Il dottor Xavier Mir, che insieme a Victor Marlet e Teresa Marlet lo ha operato alla spalla sinistra all’ospedale Dexeus di Barcellona, ha rilasciato dichiarazioni decisamente interessanti. Ai microfoni del quotidiano spagnolo Marca ha detto: «Non capisco come sia stato in grado di vincere il titolo con una spalla così, è stato sicuramente un merito in più da parte sua. Ma non poteva più continuare, non era più possibile rimandare l’operazione. I tempi di recupero? La riabilitazione prevista è di circa sei settimane ma andremo passo dopo passo, l’obiettivo è che torni nei test di Sepang a febbraio. Non rischieremo nulla, rispetteremo le scadenze senza forzare i tempi. Nei prossimi giorni valuteremo la situazione e i progressi di Marc».

Insomma, Marquez ha vinto il titolo MotoGP 2018 in condizioni fisiche non ottimali. La sua spalla sinistra non era al meglio e non a caso è stato operato dopo i test invernali. Servirà un mese e mezzo prima che possa tornare in pista. Intanto le dichiarazioni del dottor Mir consentono di dare ulteriore merito al pilota della Honda per il trionfo di quest’anno. Nel 2019 sarà ancora lui l’uomo da battere, non c’è dubbio.

 

Leggi anche -> MotoGP, Marquez: “Contento del test, motore Honda migliorato”

Matteo Bellan