Home MotoGP MotoGP Malesia, Lorenzo elogia Rossi. Valentino replica

MotoGP Malesia, Lorenzo elogia Rossi. Valentino replica

CONDIVIDI
Jorge lorenzo valentino rossi motogp
MotoGP Jorge Lorenzo Valentino Rossi

MotoGP Malesia, Lorenzo elogia Rossi. Valentino replica.
Nel Gran Premio della Malesia 2018 abbiamo ammirato un Valentino Rossi in grande spolvero. In testa dalla prima curva fino al momento della caduta, avvenuta a quatto giri dalla fine. Un vero peccato, poteva giocarsi la vittoria con Marc Marquez.

Il Dottore era molto competitivo ed ha ricevuto molti complimenti per la sua prestazione, nonostante la scivolata. Da non dimenticare che, comunque, ha poi voluto risalire sulla sua Yamaha per concludere la gara. Un diciottesimo posto finale che non gli ha dato punti. Anzi, ha fatto svanire la possibilità di prendersi la seconda piazza nella classifica piloti MotoGP (matematicamente di Andrea Dovizioso) e adesso il compagno Maverick Vinales è a soli 2 punti dalla sua terza posizione.

Tra coloro che si sono congratulati c’è con Rossi c’è Jorge Lorenzo, suo teammate per tanti anni in Yamaha in passato. Il centauro della Ducati sul proprio profilo ufficiale Twitter ha scritto: “Incidente a parte, non ho mai visto Valentino Rossi mai visto così consistente. Oltre dieci giri sullo stesso decimo di secondo sulla pista più lunga e calda, mi ha impressionato. E qualcuno dopo l’ultima gara ha detto che comincia a sentire l’età…”. Le parole del maiorchino sono state apprezzate da Valentino, che ha replicato scrivendo: «Grazie Jorge».

Tra i due piloti ci sono stima e rispetto. Hanno vissuto momenti difficili, soprattutto alla fine del campionato MotoGP 2015 quando lottavano entrambi per il titolo, ma poi i rapporti sono migliorati. Non essere più nello stesso box ha facilitato il rasserenamento delle loro relazioni. E’ sempre bello vedere dei campioni scambiarsi gesti di apprezzamento. Meno piacevole è vederli litigare, soprattutto per cose a volte futili.

Leggi anche ->MotoGP Malesia, Valentino Rossi: “Potevo vincere, ho sbagliato”

 

Di Matteo Bellan