Home Formula 1 Ferrari, Leclerc: “Darò il massimo per stare ai vertici”

Ferrari, Leclerc: “Darò il massimo per stare ai vertici”

CONDIVIDI
MONZA, ITALY - AUGUST 31: Charles Leclerc of Monaco and Sauber F1 looks on from the garage during practice for the Formula One Grand Prix of Italy at Autodromo di Monza on August 31, 2018 in Monza, Italy. (Photo by Mark Thompson/Getty Images)

A pochi giorni dal GP di Singapore, il nome di Charles Leclerc è sulla bocca di tutti. Il giovanissimo pilota monegasco, dal 2019, sarà al volante della Ferrari al posto di Kimi Raikkonen.

Queste le sue parole ripensando alla chiamata da Maranello: “Ero molto emozionato, non ero preparato. Si parlava da tanto tempo di questa possibilità, ma nessuno aveva la certezza che potesse accadere. Quando ho ricevuto la telefonata di Arrivabene sono diventato il ragazzo più felice del mondo. Le prime persone a cui ho pensato sono stati i miei familiari, li ho chiamati subito per comunicarglielo”.

La Ferrari sullo sfondo, ma la stagione non è ancora conclusa. “So come dovrò iniziare la prossima annata, ma ci penserò solo dopo il 2018. Mi preparerò al meglio come faccio ora e farò il miglior lavoro possibile con l’auto che avrò a disposizione. Se la macchina sarà competitiva, farò il possibile per lottare sempre ai vertici”.

Un futuro da predestinato, tante responsabilità per il giovane pilota. “Questa è stata un’ottima stagione, ma l’anno prossimo dovrò esprimermi in una grande squadra. Devo ancora imparare ancora molte cose. Quest’anno mi ha fatto crescere tanto come pilota e come uomo. Credo che attualmente la Ferrari abbia la macchina migliore e che possa vincere il titolo. Se il prossimo anno la Ferrari sarà ai vertici, allora anche il mio obiettivo sarà quello di vincere il titolo. Ora devo pensare a crescere ulteriormente come pilota per ottenere i migliori risultati”.

Il monegasco non teme la pressione. “Molte persone pensano che avrò un grande peso sulle spalle, ma non è così. Mi concentro molto su me stesso e non penso a cosa le persone si aspettano da me in macchina. Se lavoro nel modo giusto in macchina, le prestazioni arriveranno”.