Home ALTRI SPORT Vela, giro del mondo: problemi per ‘Italia’ e Gaetano Mura

Vela, giro del mondo: problemi per ‘Italia’ e Gaetano Mura

CONDIVIDI
Gaetano Mura
Gaetano Mura

NOTIZIE VELA GAETANO MURA GIRO DEL MONDO – Non ci sono buone notizie per Gaetano Mura e la sua ‘Italia’, il Class40 partito quasi 63 giorni fa da Gibilterra. Dopo le forti raffiche di vento e le alte onde, l’italiano dovrà prendere una decisione importante nelle prossime ore, in quanto nella sua barca ci sono stati problemi tecnici come pilota automatico in avaria ma anche problemi di comunicazione satellitare, tutte questioni difficilmente risolvibili da bordo. Qualora ‘Italia’ si dovesse fermare per una sosta, l’impresa del record del giro del mondo da Gibilterra a Gibilterra si infrangerebbe.

Ecco quanto apparso dal ‘diario di bordo’

Un Natale severo per Gaetano e Italia.

Cenere e carbone per me e Italia e la certezza che questo Natale rimarrà ben impresso per sempre nei ricordi.

E’ stata dura, vento fortissimo e onde che in alcuni momenti si sono fatte un po’ preoccupanti. Sono i momenti più difficili in cui stanchezza, solitudine e lontananza guadagnano un po’ di terreno su tutto il resto e bisogna saldamente rimanere ancorati alla certezza che tornerà a splendere il sole.

Ora che il peggio è passato, il vento si è un po’ abbonacciato (calmato) e ci sono “solo” 4 metri d’onda e 35 nodi di vento posso scrivere queste due righe.

La situazione meteo è ancora un p0′ complessa perché il vento attuale gira molto a sinistra fino a provenire da sud e ci tira verso nord dove non dobbiamo assolutamente andare perché c’è il rischio di rimanere intrappolati nell’alta pressione Australiana e non riuscire più a scendere. Il problema è che stringere il vento, per tentare di andar giù o per lo meno di non salire, è ardua impresa se non impossibile poiché significa mettersi di fianco quest’ onda ancora grossa e frangente e rimontare con 35 nodi contro. Cercheremo di limitare i danni cercando di stringere quanto possibile, soffrendo un po’ e rallentando, aspettando di essere raggiunti da un altra depressione che sta dietro di noi e che dovrebbe aiutarci a scendere.

Il buon cibo di Natale

Tutte le cose buone che Giovanna e la mia famiglia mi hanno preparato per Natale devono ancora attendere per essere gustate, così pure di essere scartati i regali che mi erano stati imbarcati di nascosto prima della partenza. Ma va bene così, meritano un momento speciale e sapremo aspettarlo. Il più bel regalo però l’ho già “spacchettato” via mail. Mi sono molto emozionato il grande Andrea Fois. il mio genio della lampada, mi ha montato e inviato un bellissimo video con le musiche natalizie e gli auguri e i pensieri video di tutti i miei amici e di tutta la famiglia. Bellissimo! Ho riso e pianto come meritava il momento, piacevolmente caloroso. Le belle parole hanno alleggerito per un po’ i toni della bufera che si scatenava tutt’intorno a noi così come gli auguri di tutti voi che mi avete scritto numerosissimi. L’ ho già rivisto 2 volte e sarà una buona compagnia per tutto il viaggio.

E’ due mesi che siamo in mare e ci avviciniamo finalmente al secondo grande capo che dovremmo doppiare tra 3 giorni. Vi farò saper delle tagliatelle al tartufo del menù di Natale appena possibile.