Home Calcio JUVE. CONTE tentato dal 3-5-1-1

JUVE. CONTE tentato dal 3-5-1-1

CONDIVIDI

LA STAMPA.IT – Nella sfida con il Bayern il tecnico bianconero sembra voler blindare l’assetto con l’inserimento di Paul Pogba. Recuperati Vucinic e Giovinco

(getty images)
(getty images)

 

CHAMPIONS LEAGUE L’articolo odierno del sito La Stampa.it, fornisce qualche aggiornamento sul possibile assetto tattico che Antonio Conte potrebbe schierare contro il Bayern Monaco: “La notizia positiva, per i bianconeri, è che ieri pomeriggio sul charter si sono imbarcati anche Mirko Vucinic, reduce dalla febbre, e Sebastian Giovinco, uscito dallo scontro di San Siro con la caviglia sinistra stropicciata. Sono invece rimasti a casa, Caceres, Isla, Pepe e Bendtner. Conte ha in testa un paio di soluzioni, e l’impressione è che sceglierà solo stasera, dopo l’ultimo collaudo all’Allianz, poco dopo le sei. Prima, lui e Buffon parleranno in conferenza stampa. Il Bayern, a quell’ora, avrà già sbrigato tutte le pratiche: meeting con la stampa all’ora di pranzo, allenamento nel primo pomeriggio, dentro al proprio centro di allenamento. La tentazione del tecnico è di modificare il consueto 3-5-2, modulo di riferimento da quasi un anno, per blindare l’assetto con un centrocampista in più (Pogba), e virando quindi nel 3-5-1-1. Ne caso, Marchisio andrebbe ad appostarsi dietro l’unica punta Vucinic. ‘Potrei fare una squadra fisica – aveva premesso Conte sabato – anche se poi i movimenti non è che cambino. Li conosciamo bene’. Più scontati paiono gli altri mestieri: Barzagli. Bonucci e Chiellini dietro, Lichtsteiner e Peluso (favorito su Asamoah) sulle corsie, Vidal, Pirlo, Marchisio tra i centrocampisti. Poi, appunto, uno tra Pogba o un’altra punta: da Quagliarella a Matri, due lucidati dalle luci di San Siro. Anche il Bayern ha praticamente incollato la formazione, nel suo tradizionale 4-2-3-1: stavolta le esclusioni eccellenti dovrebbero essere quelle di Robben e Mario Gomez. Che se ne stia in panchina Javi Martinez è molto meno clamoroso, che il basco sia costato 42 milioni di euro nell’ultimo mercato dà invece l’idea della potenza economica del Bayern”.