LAZIO-FIORENTINA. PETKOVIC: “Non ci abbiamo creduto abbastanza”

Al termine della sfida contro la Fiorentina, il tecnico della Lazio, Vlado Petkovic ha analizzato la sfida…

(getty images)
(getty images)

LAZIO-FIORENTINA – Al termine della sfida contro la Fiorentina, il tecnico della Lazio, Vlado Petkovic ha analizzato la brutta sconfitta rimediata contro i viola.

PETKOVIC A SKY

Sconfitta dura da digerire? “Non ci abbiamo creduto abbastanza nonostante le tante occasioni a fine primo tempo. Brava la Fiorentina ad esser cinica e a vincere meritatamene combattendo più di noi”.

Ci crede alla Champions? “ Tanti punti sono rimasti tali, peccato perché potavamo accorciare ma non siamo i solo. Dobbimao crederci di più e vincere queste partite”.

L’europa colpevole per i scarsi risultati? “Questo è chiaro. Ma è solo una parte, I giocatori a questo livello devono dare ancora di più e fare di tutto per vincere la partita”.

Sono più i meriti della Fiorentina o è colpa dei giocatori suoi  o del tecnico? “Si ma abbiamo subito due gol evitabile, il primo lo abbiamo incassato a Firenze allo stesso modo. Noi anche non giocando bene abbiamo avuto le nostre occasioni ma non siamo riusciti a sfruttarle. Cè mancata energia e un po’ di convinzione”.

Rimprovero radu perché dias marcava in modo troppo energico e riusciva il rigore?  ”Io vedo che tutti e due hanno cercati di avere vantaggio. Inquesto caso si gurad più cosa fa il difensore. Lo abbiamo pagato già in europa con i 3 rigori contro il borussia ma dobbimao imparare a marcare in modo diverso. Rimproverare va bene per aiutare gli altri e bisogna rimanere positivi”.

PETKOVIC A MEDIASET PREMIUM 

Battuta d’arresto si allontana il terzo posto? “Non penso, le distanze sono uguali qualche squadra ha recuperato punti. Complimenti alla Fiorentina per il cinismo ma noi non ci abbiamo creduto abbastanza”.

Perchè non ci credete molto in campionato? “Perchè energie psicofisiche limitate si pagano ma i ragazzi hanno provato fino alla fine”. 

E’ mancato Hernanes? “E’ mancata la condizione della squadra ma dopo il primo gol era difficile rialzarsi. E’ andata così stasera”. 

Più possibile il cammino in Europa che il terzo posto? “Non penso. C’e euforia dopo bel risultato in Europa ma c’è anche il ritorno. Siamo in corsa su tutti i fronti”.