Home Calcio GAZZETTA DELLO SPORT. Ibra: «Per lo scudetto non ci sono solo Juve...

GAZZETTA DELLO SPORT. Ibra: «Per lo scudetto non ci sono solo Juve e Milan, occhio a Roma, Napoli e Udinese»

CONDIVIDI

GAZZETTA DELLO SPORT. Ibra: «Per lo scudetto non ci sono solo Juve e Milan, occhio a Roma, Napoli e Udinese»

L’attaccante del Milan parla in conferenza stampa del momento del campionato

(Getty images)

Ibrahimovic parla in conferenza stampa dal ritiro del Milan, come riporta La Gazzetta dello Sport. Ci dica tre cose che chiede al 2012. «Continuare a fare con il Milan quello che stiamo facendo adesso, vincere qualche trofeo, magari tutti. E stare bene. Se sto bene fisicamente in campo le cose vengono da sole». Si aspettava la Juve, così forte e competitiva in questa stagione?
«Stanno facendo buone cose, ma contano i risultati ottenuti alla fine. Aspettiamo maggio». Sarà duello-scudetto fino alla fine? «Non c’è solo la Juve. C’è l’Inter che non era al top ma presto arriverà fra le prime, c’è la Roma che gioca bene, ci sono il Napoli, l’Udinese. È una lotta dura, è un bene che il campionato sia così equilibrato».
Se lo dice lei, che ha giocato nel campionato considerato più bello…

Quando finirà la sua carriera? «Gioco un paio d’anni e basta. Finisco il mio contratto con il Milan». A Dubai giocherete in amichevole con il Paris Saint Germain, club di recentissima ricchezza araba. «Se arrivano club così, come il Manchester City prima o il Psg ora, è un bene per il calcio. Aumenta la concorrenza, le cose si fanno più difficili per i club che hanno fatto la storia».

Si parla di Tevez al Milan. Le piace? «È un campione, anche se non gioca da tre mesi, non so se sia in forma. Non so come si stia muovendo il Milan sul mercato, comunque i campioni fanno sempre comodo, la concorrenza aumenta e non c’è tempo di addormentarsi». Ma Tevez servirebbe al Milan? «Mi manca Cassano, non mi manca Tevez. Cassano mi manca in campo. Ti dà la palla buona da situazioni impossibili e questo rende tutto più facile. Gioca tanti palloni con grande fiducia in se stesso e dà sicurezza alla squadra. Senza di lui giochiamo in modo diverso».