CHAMPIONS LEAGUE. MANCHESTER UNITED, Ferguson: «Non finirà come nel 2009»

CHAMPIONS LEAGUE. MANCHESTER UNITED, Ferguson: «Non finirà come nel 2009»

Il tecnico dei Red Devils parla in conferenza stampa alla vigilia della finalissima di Champions contro il Barcellona…

(foto Getty Images)

Sir Alex Fergunson ne è convinto, non si ripeterà la storia del 2009: “Giocare in Champions League tutti gli anni ci ha trasmesso grande maturità e fiducia. Rispetto alla finale del 2009 sento che la squadra è più pronta. Non siamo cambiati molto in termini di giocatori, la struttura è la stessa, ma abbiamo caratteristiche differenti, soprattutto più esperienza internazionale. Credo che la qualità principale di questa squadra sia l’unità”. A Roma il Manchester United aveva subito una vera lezione di calcio. Ferguson però è convinto che Londra 2011 sarà un’altra partita: “Non è una questione di rivincita. A Roma abbiamo commesso un paio di errori che ci sono costati la partita, dunque sarà importante restare sempre concentrati. Una cosa è sicura, sarà una partita difficile per entrambi i club”.

Non manca un elogio a Pep Guardiola: “Per essere un tecnico ancora giovane Guardiola ha già ottenuto risultati straordinari. Seguendo al meglio l’eredità degli allenatori olandesi degli ultimi anni, ha guidato il Barcellona ad un alto livello. Sono rimasto impressionato da come nell’ultimo anno hanno cambiato il modo di pressare. E la vittoria contro di noi nel 2009 ha dato loro grande maturità”. Ma il mister inglese assicura che i suoi Red Devils non rinunceranno alla loro tradizionale vocazione offensiva: “Prima di ogni partita si studiano gli avversari e si analizzano i loro punti di forza e di debolezza. Succede sempre ed ovviamente lo abbiamo fatto anche questa volta. Ma alla fine siamo concentrati soprattutto su di noi, abbiamo in testa il nostro piano tattica e i giocatori si sono preparati davvero bene”.