INTER. Leonardo: “Noi vogliamo passare il turno, non è impossibile”

Alla vigilia dell’impresa impossibile di Gelsenkirchen, Leonardo, il tecnico dell’Inter, è molto concentrato e di poche parole.

Rangnick in conferenza stampa ha elogiato il Milan di Sacchi. Lei conosceva il tecnico dello Shalke?
«Lo conoscevo. E’ tornato allo Schalke e ha ripreso la squadra in corsa trasmettendole subito grandi motivazioni. Sacchi è un riferimento per tanti allenatori perché ha scritto pagine storiche nel calcio mondiale. Se ha trovato in lui l’esempio, ha fatto una scelta importante».

Domani l’Inter deve sperare in un miracolo?
«Non lo considero un miracolo… A San Siro abbiamo perso 5-2 perché non possiamo vincere con lo stesso punteggio o con un punteggio simile al ritorno? La situazione è difficile e particolare, ma vincere con 4 gol di scarto nel calcio può succedere. In passato è già accaduto. Noi vogliamo fare una grande prestazione e passare il turno».

Sarà a disposizione Lucio. Vi può aiutare a non prendere gol?
«Sarà importante avere equilibrio. Cerchiamo un successo ampio e solo giocando bene e commettendo pochi errori possiamo riuscirci. Abbiamo quasi tutta la rosa e per noi è importante».

Come stanno Stankovic e Sneijder?
«La forma generale è buona e ci sono solo piccole cose da verificare».

Come sta la squadra? C’è tensione nel gruppo?
«Nel gruppo c’è lucidità. Ognuno nel gruppo ha vissuto le sue rimonte, in campo e fuori, e in una partita del genere può succedere di tutto. Vogliamo dimostrare che quello che è successo a San Siro è fuori dal comune».

Quanto sarà importante il lavoro psicologico in vista della gara di domani?
«Sarà fondamentale. Il modo di interpretare la gara sarà decisivo perché vincere con 4 gol di differenza è qualcosa di fuori dalla norma. Noi non abbiamo niente da perdere dopo l’andata, quando siamo stati penalizzati da ogni occasione creata dallo Schalke. Psicologicamente però questa squadra e affrontiamo la partita a petto in fuori, sicuri di noi stessi».

Cosa dirà ai giocatori prima di scendere in campo?
«Non posso dire niente… Non c’è niente di preparato oggi… C’è una preparazione tecnica della partita e quello che dirò ai giocatori, lo vedremo domani».