INTER. Ranieri: «In Serie A ci sono troppe squadre. Rimonta? E’ presto per parlarne»

Il tecnico nerazzurro si presenta in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Cesena

ranieri 2 300x201 INTER. Ranieri: «In Serie A ci sono troppe squadre. Rimonta? E presto per parlarne»

(getty images)

Vigilia di campionato anche per l’Inter, che domani affronterà il Cesena al Manuzzi. Claudio Ranieri si presenta in conferenza stampa per parlare della sfida: “Il Cesena ha qualità e correrà all’impazzata. Hanno vinto a Palermo per cui saranno gasati. Sanno che troveranno una squadra in salute e lo sappiamo anche noi. Noi pensiamo alla sfida di domani, durante la sosta i ragazzi avranno la possibilità di recuperare sotto l’aspetto psicologico. Loro hanno giocatori molto in gamba, Mutu lo conosco personalmente e so di cosa è capace. Noi dobbiamo continuare ad esternare il nostro gioco”

Diego Forlan è tornato finalmente in gruppo: “Non posso dire se giocherà dall’inizio, sta bruciando le tappe. Se può giocare esterno? Dipende da quello che si vuole da un 4-4-2, lui ha caratteristiche offensive, è una prima punta o una seconda punta. Credo che l’allenatore deve cercare di comporre una squadra di qualità mantenendo allo stesso tempo l’equilibrio”. L’Inter in poco tempo è risalita in classifica: “Dobbiamo aspettare la fine del girone di andata e poi trarre le prime conclusioni. La squadra sta salendo di rendimento e questo è importante, ma ancora non abbiamo fatto nulla”

Un commento sulla posizione di Sneijder: “Non può essere spostato, è il fulcro del gioco e deve restare in posizione centrale. In Italia siamo troppo abituati a parlare di partita semplice o di medio-alta difficoltà; noi dovremo essere bravi a capire quali difficoltà riserva ogni partita. Io mi aspetto sempre partite difficili, come quella di Genova. Il Cesena sta affrontando un ottimo periodo e i risultati lo dimostrano”

La solidità difensiva è stata finalmente ritrovata: “Prima di cambiare qualcuno ci penserò mille volte, i ragazzi riescono a lavorare tutti molto bene. Alvarez? Lo sto provando, ha il passo del centrocampista, cerco di farlo rendere sulla fascia perché ha facilità di colpire e mettere la palla. Lo sto vedendo durante gli allenamenti, è molto più diretto; deve continuare così” Il Campionato è troppo lungo? “In Serie A ci sono troppe squadre, si gioca sempre e non c’è mai un attimo di sosta; in un campionato con meno squadre si lavorerebbe meglio”.

Quale sarà la prossima Inter?Quella che cercherà sempre di vincere, ha fatto tanto in questi anni ma ha un presidente che vorrà continuare a vincere. Sarà sempre una squadra di altissima prospettiva. Dalla partita con l’Udinese abbiamo detto di pensare solo a fare bene senza guardare la classifica; i ragazzi sono determinati nel riportare la squadra in alto. Fatica nell’iniziare l’azione? Non sono d’accordo, si cerca di variare l’inizio di gioco anche col lancio lungo per variare”.